S’infinitu

Sempre appo tentu cara cust'altura
e i custa maja, chi de bona parte,
de su fuccu chintale leat sa vista.
Ma, passende e mirende, illacanadu logu,
adda'e i cussa, e silenzios arcanos,
e assussegu profundu
in sa mente mi paro;
a tales chi su coro po pagu no isprammat.
Daghi intendo s'ischimuzu ´e su entu,
in mesu a i custas piantas,
deo cussu infinidu silenziu,
a i custa oghe, isto approbiende;
e m'ammento s'eternu, sas istajones mortas,
e i sa presente e bia, su motu sou.
Gai, in cussa immensidade,
s'imberghet su pensamentu meu:
e mi perdo diciosu in custu mare.
(Tonino Paddeu, Leopardu, Thiesi, ed. Cabu Abbas di G. Pinna, 2017, pag.15.)
L'infinito.
«Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare.»
(G.Leopardi)