Vita e morte, una storia che si ripete.

Quanto vivono i nostri amici animali? Non so, ad esempio, un cane, che sembra sia il miglior amico dell’uomo – ma anche della donna – può campare sino a 18/20 anni. Il gatto vive più o meno quanto il cane, anche se ci sono gatti molto longevi, esattamente come accade in molte specie nel mondo animale. Corduroy, un gatto entrato nel Guinness World Records, è il gatto più vecchio del mondo avendo raggiunto la veneranda età di 26 anni. Si racconta, però, di felidi molto più vecchi che sono riusciti a spegnere 30 candeline. Nell’elenco degli animali che hanno bevuto l’elisir di lunga vita un posto di riguardo spetta alla tartaruga, da sempre presente nelle dimore umane, che vive sino a cento anni. Un parrocchetto ondulato vive sino a 15 anni, un cavallo raggiunge i 30 anni, un criceto 3 anni, una cornacchia 4 e un coniglio 10 anni.

Tutti gli animali, cosi come qualsiasi altro essere vivente, invecchiano. Una quercia può vivere 500 anni, una mosca circa 30 giorni, alcuni organismi acquatici vivono pochi giorni e un’ape circa un mese. L’elenco è infinito perché, evidentemente, tutto ciò che nasce sul nostro pianeta è destinato a morire. La morte, affermarlo sembra un ossimoro, è vita. E’ l’apice di un ciclo al termine del quale è prevista la distruzione di una vita a favore di altre. Una vita si spegne e altre migliaia si accendono, spesso accompagnate da un gemito. Quel lamento che diviene gioioso e si lega inscindibilmente ad un nome comune: mom, maman, mama; in italiano, mamma. 

Quanto vive una mamma? L’età media delle donne, quindi anche delle mamme, è di circa 84 anni; alcuni sono convinti che una madre, nell’arco di una vita intera, possa vivere solo per alcuni periodi, a volte per pochi giorni. Poi muore. La morte è anche l’oblio della memoria, la distanza che diviene incolmabile, l’indifferenza con salsa di giustificazioni assolutorie. Ma questa, anche se triste, è un’altra storia.

Lo scoiattolo vive circa tre anni, la marmotta fino a 18, così come il lupo e la lupa. Il topo può vivere fino a 3 anni. La vita media di un asino è di circa 26 anni, anche se, a dire il vero, ci sono casi documentati di asini che hanno superato i 40 anni. Lo scoiattolo vive circa tre anni e la marmotta fino a 18.

La vita e la morte si rincorrono, si abbracciano, si fondono, rinascono e muoiono. Si può essere morti pur essendo vivi e viceversa. Si vive anche nel ricordo, non solo ascoltando il battito del proprio cuore. Si vive e si muore tra il nulla e l’incerto, il forse e il perché, immersi in convinte indecisioni e cistifelleici rancori. Gli efemotteri vivono 24 ore. Mi piace pensare che nascono, si abbracciano, si sorridono e muoiono. Anche questa è vita, anche questa è la morte.